Glossario

Questo glossario comprende termini di cui può risultare utile conoscere il significato durante la lettura degli articoli; ne sono qui riportate le definizioni formulate da me nell’accezione più pertinente al contesto in cui vengono usate nel blog.
Buona consultazione!

AGENTI CONDIZIONANTI
Sono utilizzati prevalentemente nei prodotti cosmetici per i capelli (es. balsami, maschere..) e ne neutralizzano la carica elettrica negativa che si crea dopo il lavaggio con lo shampoo, rendendoli disciplinati e aumentandone la lucentezza.

BIODEGRADABILITÀ
Possibilità che un composto ha di subire processi di biodegradazione attraverso cui i microrganismi trasformano o alterano (attraverso il metabolismo o attività enzimatica) la struttura chimica dei composti introdotti nell’ambiente.
Le sostanze sintetiche non vengono invece biodegradate poiché, avendo struttura molecolare che non esiste in natura, non esistono i batteri in grado di sintetizzare gli enzimi deputati all’elaborazione delle stesse.

CHIMICO
Sebbene tutto ciò che ci circonda abbia natura chimica, con questo termine si intende ciò che risulta da un procedimento di laboratorio.
Ciò che comunemente viene indicato come chimico andrebbe piuttosto definito come sintetico o artificiale (vedi sotto).

CLAIM
In cosmetica si intende per claim del prodotto qualsiasi dichiarazione sulle caratteristiche di un prodotto in forma di testo, nomi, marchi, immagini e segni, figure o simboli di altro tipo utilizzati nell’etichettatura, nella presentazione per la vendita e la pubblicità dei prodotti.
Fonte: Leonardo Celleno, Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma

COSMETICO
“Qualsiasi sostanza o miscela destinata ad essere applicata sulle superfici esterne del corpo umano (epidermide, sistema pilifero e capelli, unghie, labbra, organi genitali esterni) oppure sui denti e sulle mucose della bocca allo scopo esclusivamente o prevalentemente di pulirli, profumarli, modificarne l’aspetto, proteggerli, mantenerli in buono stato o correggere gli odori corporei.” (ai sensi del Regolamento (CE) n. 1223/2009).

DETERGENTE
“Qualsiasi sostanza o preparato contenente saponi e/o altri tensioattivi destinato ad attività di lavaggio e pulizia. I detergenti possono essere in qualsiasi forma (liquido, polvere, pasta, barre, pani, pezzi e soggetti ottenuti a stampo ecc.) ed essere commercializzati e utilizzati a livello domestico, istituzionale, o industriale.” (ai sensi del Regolamento (CE) n. 648/2004)

FARMACOPEA
Raccolta ufficiale delle disposizioni, con contenuto tecnico ed efficacia normativa, destinate ad assicurare l’uniformità dell’origine, della qualità e della composizione dei medicinali. Contiene le specifiche relative all’identità di materie prime e di preparazioni farmaceutiche.
La Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana è costituita dalla Farmacopea Europea e dalla Farmacopea Ufficiale italiana.
Fonte: ISS

GREENWASHING
Pratica commerciale scorretta adottata dalle aziende che intendono trasmettere in maniera ingiustificata un’immagine di sé o del proprio prodotto come eco-friendly; esse investono quindi tempo e capitali per promuovere questo messaggio diretto al consumatore anziché destinarli all’attuazione di pratiche realmente a tutela dell’ambiente.

INQUINAMENTO
In generale, l’inquinamento rappresenta una perturbazione degli equilibri ecosistemici, con alterazione delle caratteristiche delle componenti biotiche e abiotiche, causata dall’introduzione nell’ambiente di sostanze – di origine naturale o antropica – in quantità tali da produrre effetti deleteri per gli esseri viventi di quel comparto ambientale.

ISO
L’Organizzazione internazionle per la normazione è un organismo independente e non governativo che si occupa dello sviluppo di standard e norme tecniche a livello internazionale adottati dai Paesi che vi aderiscono (qui una mappa dei Paesi membri). L’ISO ha competenza nei più svariati ambiti: dall’ingegneria elettronica alla cosmetica, dai combustibili all’applicazione di metodi statistici, ecc..

PPCPs
Pharmaceuticals and Personal Care Products and Pollutants: l’acronimo si riferisce, in generale, a qualsiasi prodotto che abbia un effetto potenzialmente inquinante utilizzato dagli individui a scopo cosmetico o per ragioni di salute, o utilizzato nel settore agricolo per favorire la crescita o la salute del bestiame allevato. Rientrano in questa definizione migliaia di sostanze, inclusi farmaci, fragranze, lozioni e cosmetici.
Sui PPCPs da diversi anni sono concentrati diversi studi mirati a definirne il possibile danno ecologico una volta confluiti nei corpi d’acqua, e valutare quali possano essere le conseguenze sull’uomo derivanti dalla presenza nell’ambiente di queste sostanze.
Fonte: EPA

PRINCIPIO DI PRECAUZIONE
Criterio di condotta che può essere invocato quando un fenomeno, un prodotto o un processo può avere effetti potenzialmente pericolosi, individuati tramite una valutazione scientifica e obiettiva, ma i dati scientifici non consentono una valutazione completa del rischio.
Il campo di applicazione del principio nasce a livello ambientale, ma si estende anche alla politica dei consumatori, alla sicurezza alimentare, alla salute umana, animale e vegetale.
Fonti: Sintesi della legislazione dell’UE

REACH
È un sistema integrato di registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of CHemicals) istituito dal Regolamento (CE) n. 1907/2006; tra gli obiettivi, si prefigge di migliorare la conoscenza dei pericoli e dei rischi derivanti da prodotti chimici in modo da assicurare un elevato livello di protezione della salute umana e dell’ambiente, e promuovere lo sviluppo di metodi alternativi a quelli che richiedono l’utilizzo di animali vertebrati per la valutazione dei pericoli delle sostanze.
Fonte: Reach.gov.it

SINTETICO
Ogni composto o sostanza che non proviene da organismi animali o vegetali ottenuta tramite processo di sintesi; oppure, in senso lato, tutte quelle sostanze preparate dall’uomo.

TENSIOATTIVI
Sono composti organici, principali costituenti dei detergenti, che hanno la funzione di abbassare la tensione superficiale dell’acqua, quindi aumentare la bagnabilità delle superfici e favorire l’asportazione dello sporco.
Secondo il Regolamento (CE) n. 648/2004: “qualsiasi sostanza organica e/o preparato utilizzato nei detergenti dotato di proprietà tensioattive. Consiste di uno o più gruppi idrofili e di uno o più gruppi
idrofobi di natura e dimensioni tali da consentire la diminuzione della tensione superficiale dell’acqua, la formazione di monostrati di spandimento o di assorbimento all’interfaccia acqua/aria, la formazione di emulsioni e/o di microemulsioni e/o la formazione di micelle, e l’assorbimento alle interfacce acqua/solido”.